Come raccontare la tua storia in modo coinvolgente

Oggi voglio condividere con te lo strumento più potente che hai a tua disposizione per far esplodere il tuo personal brand.

Ne ho parlato anche nel mio intervento allo IED di Roma.

Quindi ti salto tutta la parte teorica e la suspence andando dritto al sodo.

Lo strumento è lo Storytelling.

Ci innamoriamo delle storie.

Ma sopratutto delle persone delle quali conosciamo la loro storia.

La differenza è come questa storia viene raccontata

4 punti che non possono mancare se vuoi raccontare la tua storia in modo coinvolgente.

1. Il conflitto

In ogni buona storia c’è un protagonista che vuole qualcosa ma non riesce ad ottenerla.

C’è un problema, un ostacolo che impedisce al protagonista di raggiungere il suo obiettivo.

Per raccontare la tua storia, la prima domanda alla quale dovrai rispondere è:
Quali sono stati i tuoi ostacoli durante il tuo percorso, durante la tua vita finora?

Solo così le persone potranno immedesimarsi, provare empatia e percepirti come una persona reale e vicina.

Qui trovi la mia storia.

2. Aspettativa soggettiva e realtà oggettiva

Ma che significa aspettativa soggettiva e realtà oggettiva?

Ti ricordi Ratatouille? Il topolino che voleva cucinare?

Ecco, la sua aspettativa soggettiva era appunto fare lo chef ma poi incontra una realtà oggettiva.

Qual è questa realtà oggettiva?

Che un topolino in una cucina non è il massimo dell’igiene.

Nel mio campo ad esempio l’aspettativa soggettiva è che ti basta un corso per specializzarti e poi i clienti bussano alla tua porta.

Ma la realtà oggettiva non è così.

La realtà oggettiva è che devi sviluppare competenze di Personal Branding, Storytelling, Vendita, Business per rendere sostenibile la vita da freelance.

Qual era la tua aspettativa soggettiva e qual è la realtà oggettiva con la quale ti sei scontrat*?

3. Struttura

La struttura in poche parole è suddivisa così.

Normalità – Esplosione – Nuova Normalità

Il concetto principale della struttura è l’esplosione.

L’esplosione è quell’evento che stravolge la normalità.

Io ho vissuto l’esplosione con il Covid.

La mia normalità era lavorare come Brand Designer per i ristoranti poi – Covid – Ristoranti Chiusi – Esplosione.

Da lì, aprire un profilo Instagram per attirare clienti è diventata la nuova normalità.

Qual è stata la tua esplosione?

4. Dilatazione

Ogni storia ha 2 versioni.
La versione breve e la versione lunga.

Prendi ad esempio Cappuccetto Rosso.

Si può ridurre a:

“Una bambina deve portare il cibo alla nonna. Ma un lupo si mangia la nonna. E poi si mangia la bimba. Poi arriva un cacciatore che taglia la pancia al lupo e le libera.”

La storia breve è ciò che si ricorderanno le persone.
Ma solo se prima hanno conosciuto la storia lunga.

Quindi concentra prima la tua storia all’essenziale, ai fatti.

E poi dilatala con emozioni, sensazioni, dettagli.

È la storia dilatata che farà innamorare le persone di te.

È proprio questo lo storytelling, ciò che resta una volta tolti i fatti.

“Sfila via i fatti dalla realtà, tutto ciò che resta è storytelling”
Cit. Alessandro Baricco

Il fatto che il Cappuccetto sia rosso è irrilevante.

Non cambia i fatti.

È storytelling.
Ma è proprio quello il punto.

Qui trovi il video di Baricco sullo storytelling.

Recap

  • Trova il tuo conflitto
  • Aspettativa soggettiva
  • Realtà oggettiva
  • Struttura
  • Dilatazione

Risorse
Lezione IED
La mia storia

Alessandro Baricco

A presto!
💣 Gracian

 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *